Collegati
Su

Blackberry prepara 3 nuovi Android

Le uscite tra ottobre 2016 e febbraio 2017

Blackberry prepara 3 nuovi Android, il nome in codice sarà Neon, Argon e Mercurio. L’arrivo sul mercato sarà nell’ordine in cui ve li ho nominati.

Neon sarà dunque la prima proposta in ordine di tempo, 5.2 pollici di schermo con specifiche di tipo medio. Avrà 3 gb di ram, 16 gb di memoria interna e una batteria da 2610 mAh.

In quanto a fotocamera, dovremmo avere un’abbinata 13/8 mpx, mentre tra le funzioni ci sarà il quick charge 2.0.Il target pare essere bilanciato tra mondo consumer ed enterprise.

Argon invece arriverà ad ottobre e sarà quello con le specifiche più aggressive a partire da un display di 5.5 pollici, QHD; a quanto pare avrà snapdragon 820, 4 gb di ram, 32 gb di memoria, 3000 mAh di batteria, quick charge 3.0, sensore di impronte e una fotocamera da 21 mpx sul retro, mentre la frontale sarà da 8 mpx.

Mercury arriverà nel 2017 e sarà in pratica il successore di Passport, perché avrà una tastiera fisica non scorrevole, che non si potrà quindi nascondere. Diciamolo: di tutti i pregi di Priv, la tastiera non è sicuramente quello da ricordare. Tasti stretti, corsa breve, “molle” dure, per me è stato il dettaglio peggiore in assoluto, insieme all’assemblaggio, visto che la slitta “traballava” molto.

Mercury invece avrà una tastiera qwerty classica, display da 4.5 pollici con ratio 3:2, snapdragon 625 con 3 gb di ram, 32 gb di memoria e 3400 mAh di batteria.

blacberry leaked

Gli amici di MondoBlackBerry hanno scovato questa immagine che pare attendibile. Ma non abbiate fretta, questo telefono non arriverà prima dell’inizio del 2017.

Vi piace? Basterà per risollevare i canadesi? Quanto costerà? Troppe domande, mi devo riposare un attimo.

 

3 Comments

  1. Vincenzo

    1 luglio 2016 alle 17:37

    Effettivamente da possessore di Passport e Priv devo riconoscere che il secondo non mi ha entusiasmato pur riconoscendone delle qualità,ma la tastiera non è la tastiera dei Blackberry,l’Hub non è lo stesso Hub del sistema operativo 10 proprietario,è un Android freddo e sterile come tanti altri,sarebbe bastato dare l’opportunità di acquistarlo anche con BB10 anziché con Android ed il terminale avrebbe avuto di sicuro un altro appeal. La cosa assurda del direttivo è non rendersi conto di avere in mano il miglior sistema operativo in circolazione,l’hardware del Priv con BB10 avrebbe lasciato dietro per prestazioni tutti gli altri per almeno due/tre anni. IL prezzo,sicuramente alto,non ha aiutato ma tenuto conto che i terminali in questione tengono il prezzo nel tempo,che il sistema proprietario,ben supportato e pubblicizzato,avrebbero fatto si che Blackberry non si leccasse le ferite.
    P.S.: il Passport è fantastico,lo ammirano tutti…ecco il valore aggiunto della casa canadese!

  2. ALessandro

    1 luglio 2016 alle 23:33

    Concordo. È una follia non permettere al primo avvio di scegliere tra Android e BB10, il primo fa davvero pena.
    E poi questi cellulari prodoti da Alcatel che senso hanno? Il bello dei Blackberry era proprio che erano prodotti da Blackberry, qualità senza compromessi… Bah.

  3. Marco

    3 luglio 2016 alle 10:30

    No BB10, no party: da affezionato del marchio, ho smesso di acquistare BlackBerry col Passport (che uso come terminale lavorativo e straccia tutta la concorrenza) e per uso personale sono tornato a malincuore verso Apple.
    Dovessi, non credo ma mai dire mai, tornare ad acquistare terminali Android, mi rivolgerei sicuramente altrove.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  
Please enter an e-mail address

Altri articoli in News