Collegati
Su

Buon compleanno iPhone!

Buon compleanno iPhone!!! Esattamente 10 anni fa, il 9 gennaio del 2007, Steve Jobs salì sul palco del Macworld per fare un annuncio che molti si aspettavano, quello che fece conoscere al mondo la svolta di Apple, il prodotto che ha cambiato per sempre il mercato degli smartphone.

Ovviamente, lo smartphone non è nato quel giorno, già da anni esistevano prodotti sofisticati con Windows CE oppure Symbian a bordo, in grado di fare cose davvero strabilianti, ma avevano un difetto: erano adatti solo a malati di tecnologia o comunque ad utenti evoluti, non al grande pubblico.

Installare un’applicazione richiedeva conoscenze da scienziato, ma poi è arrivato l’appstore. La differenza tra iPhone e ciò che c’era prima sta tutta lì.

Un unico posto dove raccogliere tutto ciò che gli sviluppatori realizzano, da installare semplicemente con un click.

Tutto qua. Se guardiamo indietro nel tempo al primo iPhone, la fotocamera era orrenda, molti dei dettagli erano del tutto inferiori rispetto alla concorrenza, eppure quell’oggetto ha esercitato immediatamente un’attrazione magnetica su una folla oceanica di persone: negli anni ne sono stati venduti più di un miliardo.

Chi mi legge lo sa, io uso di tutto nelle mie giornate, nel senso che spazio tra prodotti tecnologici molto diversi, ma ho una sana ammirazione nei confronti di ciò che Apple ha saputo fare: diffondere una tecnologia che non fosse fine a sè stessa, ma che cambiasse davvero la vita di molte persone.

Apple CEO Steve Jobs holds up the new iPhone during his keynote address at MacWorld Conference & Expo in San Francisco, Tuesday, Jan. 9, 2007. (AP Photo/Paul Sakuma)

E già lo so quale è il ritornello di molti: è solo moda, è solo status symbol e tutte le altre amenità che ci ammorbano la vita da ormai dieci anni. La verità è diversa, perché un oggetto di lusso non si compra in 36 rate,  Apple ha sfondato e raccolto un record dopo l’altro, perché trasmette una sensazione molto semplice da cogliere: è facile.

Non importa quale sia il processore e quale sia la quantità di pixel dentro la fotocamera, perché gli utenti nel corso degli anni hanno dato dimostrazione di fregarsene altamente.

Vale il fatto che sia facile, perché fa cose che servono davvero e non trucchi da mago di Las Vegas, fini a se stessi.

Passbook, il raccoglitore di biglietti elettronici fa viaggiare in modo più semplice, Homekit (o Casa) fa usare gli accessori domestici con una semplicità mai vista prima; la “continuità” tra telefono, tablet e computer è uno strumento di lavoro straordinario, così come l’uso del cloud quasi trasparente per l’utente di Pages, Numbers e Keynote.

C’è una ragione se iPhone ha venduto un miliardo di pezzi e ostinarsi a considerarlo solo un oggetto di moda per bambini viziati è un approccio abbastanza stupido e semplicistico. C’è molto di più.

Capire perché il successo è così grande è utile per comprendere come rendere la tecnologia un fenomeno davvero di massa alla portata di tutti.

Apple è ancora in grado di innovare? Questa è domanda che ancora non ha una risposta, forse perché bisognerebbe dare un significato universalmente riconosciuto al concetto di innovazione, ma una certezza l’abbiamo: 10 anni ha cambiato il mondo.

Tutto, non solo quello della tecnologia.

4 Comments

  1. il favi

    9 gennaio 2017 alle 14:08

    “ciò che Apple ha saputo fare: diffondere una tecnologia che non fosse fine a sé stessa, ma che cambiasse davvero la vita di molte persone.”
    Ok ma questa tecnologia non comprende Passbook,Homekit,Pages, Numbers e Keynote che sono usati dal 1% dei possessori. La “tecnologia che ha cambiato la vita delle persone” ha nomi come Rubrica, Galleria, Email, Safari e poco più. Già Impostazioni è un terreno sconosciuto ai più.
    Quindi: sono abbastanza accordo ma diamo pane al pane.

    • Mister Gadget Team

      9 gennaio 2017 alle 14:27

      è un po’ che non vai in aeroporto… e lo dico in modo molto sereno, perché sull’ultimo volo Ryan sono rimasto sbalordito da quante persone offrissero il telefono anziché la carta per salire a bordo. 🙂

      • Andrea Castoldi

        9 gennaio 2017 alle 15:51

        Beh, io l’ultima volta ci sono stato ad Agosto scorso, e sono stato l’unico a porgere lo schermo del telefono invece della carta d’imbarco, e io non ho nemmeno iPhone :DD
        Detto questo, è una tecnologia che deve assolutamente prendere piede, ma più che Apple sono le compagnie aeree che dovrebbe spingerla.

        • Tiziano Mattei

          9 gennaio 2017 alle 23:43

          Con android quale applicazione possiamo usare per avere la carta d’imbarco sul display dello snartphone? Mi piacerebbe saperlo visto che io uso android… grazie in anticipo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  
Please enter an e-mail address

Altri articoli in News