Collegati
Su

Galaxy Gear 360 hands on

Una soluzione diversa da quella di LG, quale la migliore?

Galaxy Gear 360 è finalmente nelle mie mani, dopo che in questi giorni è arrivata puntualmente anche nei negozi italiani.

Non vi nascondo che sono molto curioso di provare la soluzione di Samsung per le immagini e i video a 360 gradi, dopo un’esperienza così così con la LG CAM 360.

20160622_102045


Torno per un secondo sulla soluzione di LG e poi arrivo a Samsung: 360 CAM ha un vantaggio, il costo contenuto ma uno svantaggio evidente, cioè il fatto che converta i video mentre li si scarica sul telefono. Questa scelta rende la parte più “delicata” della catena accendi, scatta (o gira), scarica condividi un po’ macchinoso.

Per scaricare un video di circa 12 minuti, che pesava quasi 2 gb, ho impiegato 50 minuti, causando anche uno scaricamento notevole del telefono (era un LG G5).

Vediamo come si comporta invece la nuova soluzione di Samsung, la Gear 360, che è più originale nella forma, ma molto più scomoda da trasportare, pur essendo dotata di borsa per spostarla senza rischi.

Il metodo con cui si collegano fotocamera e telefono è quello ormai consolidato tipico di tutte le periferiche di nuova generazione. Si installa sul proprio telefono l’applicazione Gear 360 manager e il resto va da sè.

Avviando la app la prima volta viene cercata la cam e viene fatto l’accoppiamento. La app, ovviamente, cerca poi eventuali aggiornamenti e dopo quel passaggio sietro pronti a realizzare foto e video a 360 gradi.

Quando si attiva la fotocamera vengono mostrate le due immagini scattate dalle due ottiche a 180 gradi, ma potete scegliere di visualizzare le immagini in formato panoramico o sferico.

Ci sono quattro modalità tra cui scegliere, foto, video, time laps o loop video. In questo dettaglio, preferisco la soluzione di LG, che invece ha sia il tasto foto che video in una sola schermata.

Le immagini sono molte belle, vi rimando a questo post su Facebook per una verifica.

Con l’embed non si può vedere la funzione dei 360 gradi, ma seguite il link e godrete della visione globale!

Come funziona invece nel girare i video? Ecco un esempio girato in pochi secondi. Vi ricordo che da Safari non funziona la visualizzazione a 360 gradi dei video.

Ecco Samsung Gear 360, l’unica fotocamera che un po’ mi assomiglia, in tutto il suo splendore!

20160622_102709

Potete selezionare uno scatto a 180 o 360 gradi, ma anche governare esposizione, HDR e quando decidete di condividere un video vi viene chiesto se volete farlo con qualità originale oppure con una versione compressa.

Nel complesso, mi pare che il software (e anche l’hardware) di Samsung siano più avanzati di quelli proposti da LG, ma ci vorrà qualche giorno per darvi un parere più approfondito.

Quello che invece mi risulta proprio strano è dove sia stato messo il pulsante per scattare foto e video: sia LG che Ricoh Tetha S hanno il tasto dedicato in posizione che permette di impugnare la fotocamera e premere all’occorrenza.

La posizione su Gear 360 è un po’ strana, tricky direbbero gli inglesi: quando si preme il pulsante c’è un breve delay prima dello scatto ma mantengo qualche dubbio sulla scelta.

Approfondisco la conoscenza con la pallina. Se avete domande, sono a disposizione.

Iscriviti a Mister Gadget, resta aggiornato in tempo reale su tutte le novità tecnologiche!



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  
Please enter an e-mail address

Altri articoli in Gadgets