Collegati
Su

Il termostato intelligente Smarther BTicino arriva sul mercato

Il termostato intelligente Smarther BTicino arriva sul mercato, una soluzione elegante e funzionale, con un software completo e comandi semplici.

La mia strana prova di Smarther BTicino

Ho provato il termostato Smarther BTicino in modo piuttosto insolito: mi è stato recapitato in questo box bianco, dotato di presa di corrente. Non ho fatto l’installazione (non ancora) per verificarne il funzionamento “sul campo”, ma l’ho testato “virtualmente” senza collegarlo effettivamente alla caldaia.

Smarther Bticino

Ve lo segnalo, perché non ho potuto verificare sul campo quale sia il livello di comfort del sistema e con quale precisione (e tempo di riscaldamento) agisca dentro l’abitazione.

Smarther Bticino

L’aspetto del nuovo Smarther Bticino è molto elegante, simile se volete a quello di Netatmo (disegnato da Pihilip Starck), ma in questo caso vengono riprese le misure più tradizionali di un termostato con la forma rettangolare.

Esistono due diverse versioni: una da incasso e l’altra da parete, entrambi funzionano sia per il controllo del riscaldamento che del raffreddamento.

Aperta la confezione, ho collegato la presa di corrente e scaricato la app Bticino Thermostat, che trovate su Android e iOS, che  pesa circa 24 mb. Prima di poterla utilizzare dovete attivare un account personale: attenzione alle autorizzazioni che vi vengono chieste, perché sono molte e includono anche la proposta di cessione a terzi dei vostri dati e delle abitudini di utilizzo.

Quando avete completato il processo vi arriva una mail con il codice temporaneo di accesso che va sostituito il primo utilizzo della piattaforma Eliot.

Smarther Bticino

Smarther Bticino, come si configura

Attivata la app e fatto l’accesso, dovete premere un pulsante su Smarther Bticino per attivare l’access point e a quindi potete collegare lo smartphone alla rete che viene trasmessa dal termostato stesso. Eseguito questo passaggio, potete procedere alla configurazione vera e propria.

Per la configurazione ci sono alcuni semplici passaggi, con semplici domande a cui rispondere per affrontare il processo. Dalla app potete quindi modificare la programmazione settimanale, ma anche ricevere alcuni consigli molto smart: se lasciate casa quando il riscaldamento è accesso vi viene chiesto se volete spegnere il sistema.

Sempre dalla app si governa la funzione antigelo per quando si lascia la casa per un fine settimana al mare o in montagna. Sulla stessa app viene riproposto anche il comando che trovate direttamente sul termostato, il “Boost“, ovvero l’opzione per accendere per 30, 60 o 90 minuti il riscaldamento alla vostra temperatura comfort.

Questa è opzione comoda, ma preferisco quella proposta da Netatmo che vi permette di decidere per quanti minuti volete modificare l’opzione, ma ve lo fa fare solo con la app e non direttamente dal termostato. Nest, invece, modifica la temperatura ruotando il termostato, ma non potete decidere per quanto tempo. Se alzate di un paio di gradi, la variazione vale fino al comando successivo di programmazione.

Se alzate all’ora di pranzo, perché siete a casa e serve un po’ di calore, se vi dimenticate di spegnere, il riscaldamento resta accesso tutto il giorno. Ogni sistema ha i suoi pro e i suoi contro.

Dentro la app trovate anche il pulsante “help” per contattare direttamente l’assistenza Bticino.

Smarther Bticino, quanto costa

Il nuovo Smarther Bticino costa circa 140 euro, lo trovate su Amazon CLICCANDO QUI! Non so purtroppo darvi indicazioni su  come funzioni l’installazione perché non l’ho ancora fatta, ma sono a disposizione per tutte le altre informazioni che vi dovessero servire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  
Please enter an e-mail address

Altri articoli in Recensioni