Collegati
Su

Le sfide di Mark Zuckerberg: Oculus Go e 1 miliardo di utenti VR

Ma quando arriverà al risultato previsto?

Le sfide di Mark Zuckerberg: Oculus Go e 1 miliardo di utenti VR. Può essere che l’obiettivo sia perseguibile, ma rimane da capire entro quale data.

Nel frattempo, per rendere l’obiettivo più verosimile, ecco arrivare proprio Oculus Go, una soluzione per la realtà virtuale che costa 199 dollari, praticamente un terzo del visore che è attualmente in circolazione, ma soprattutto è una soluzione completamente wireless, perché questo è l’unico modo perché la realtà virtuale possa davvero diventare appetibile su larga scale.

Oculus Go è un po’ più di Gear VR, un po’ meno di Rift

Non avrà bisogno di cavi per il collegamento ad un PC, ma nemmeno di uno smartphone che faccia da motore, perché Oculus Go è autosufficiente, con schermi “fast switch” con una risoluzione da 2560 x 1440 pixel, senza angoli morti e soprattutto con una definizione tale da non rendere visibili gli spazi tra i pixel.

C’è anche l’audio spaziale integrato, che sono curioso di sentire, perché è difficile pensare che la qualità sia elevata senza l’uso di cuffie. Curiosamente, ci sarà anche un connettore da 3.5 mm per collegare le cuffie: dico curiosamente perché è tutto wireless, ma poi si è pensato di usare comunque le cuffie con il filo!

Oculus Go, un video per scoprire le caratteristiche principali

Oculus Go, nella confezione anche un controller wireless

Se non vi è ancora più che chiaro, il nuovo Oculus Go è una sorta di Gear VR ma con il display incorporato. Quasi tutti gli altri dettagli sono praticamente gli stessi, compreso il controllo wireless che gli sviluppatori possono utilizzare per creare applicazioni in VR.

L’idea è quella di sviluppare ulteriormente la piattaforma perché si possa arrivare ad avere eventi sportivi in diretta, oppure spettacoli, creare cioè una reason why per l’utilizzo che vada oltre il gaming.

La scommessa da un miliardo di utenti è cosa importante, sarà interessante scoprire se si arriverà al risultato e in quanto tempo. Ma per riuscirci credo si debba fare uno sforzo abnorme per il miglioramento delle immagini e per il miglioramento dei contenuti.

1 commento

  1. LucaS

    13 ottobre 2017 alle 17:41

    1 mliardo ?
    ah beh…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  
Please enter an e-mail address

Altri articoli in Gadgets