Collegati
Su

Moto Z, un weekend speciale per il test fotocamera

Ho portato Moto Z in gita all’Alagna Palace di Allegroitalia

Questo weekend ho vissuto un’esperienza davvero singolare e ho colto l’occasione per realizzare un test della fotocamera del Moto Z in modo del tutto naturale, usando cioè lo smartphone di Moto/Lenovo per realizzare tutte le immagini scattate.

Vi racconto qualche cosa di ciò che ho fatto: sono andato ad Alagna, in Valsesia, splendida località piemontese ai piedi del Monte Rosa.

Ho avuto la fortuna di visitare una struttura nuovissima, l’Hotel Alagna Palace, gestito da allegroitalia, società di base a Torino, di cui vi racconterò a parte, perché la loro proposta mi ha davvero colpito per qualità e originalità.

Nei quasi tre giorni ad Alagna ho avuto modo di visitare alcuni angoli del paese, che conserva alcune testimonianze eccezionali della cultura Walser, oltre che di mettere i piedi nella neve in uno dei posti più belli del mondo per chi ama la montagna, il Monte Rosa.

Prima di lanciarci nella gallery del Moto Z, ecco alcuni scatti notturni di OnePlus 3T, ultimo test che mi mancava. Sono tutte dell’Hotel Alagna Palace che mi ha ospitato nel weekend, un piccolo angolo di paradiso.

Con queste immagini inquadriamo il contesto del fine settimana, che sabato mattina mi ha portato fino a quota 3300 m, oltre il passo Salati che collega la valle d’Aosta con il Piemonte, anello di congiunzione tra Alagna e Gressoney.

Per arrivare agli impianti di risalita, abbiamo attraversato il paese di Alagna, che ha alcuni gioielli dell’architettura Walser semplicemente strepitosi.

Sapete chi sono i Walser? Sono i componenti di una popolazione nomada e pagana che al tempo di Carlo Magno è stata “cristianizzata” e si è diffusa in alcune zone del Piemonte, del Veneto e del Friuli, oltre che in zone della Svizzera. Sto semplificando molto la storia di un popolo che si è insediato con piccole comunità in diverse zone del Nord Italia intorno al 1280 e che da allora ha conservato alcune testimonianze incredibile della loro vita e della loro cultura.

Alagna è uno dei luoghi che meglio conserva le testimonianze di quella cultura, ve lo mostro dopo. Torniamo al Moto Z. L’ho portato a spasso per il paese e nella gallery qui sotto vedete i risultati. La foto sopra si può ingrandire con un click, quelle sotto  no.

Dopo la passeggiata, pronti per la salita verso le alte quote!

Come sempre, quando provo uno smartphone, il principio è quello dell’uso “punta e scatta”. Probabilmente ci sono modi migliori di usare questa fotocamera, ma a me interessa simulare sempre e solo l’uso “normale”, quello che il 95% degli utenti fa di un telefono in condizioni normali.

Bellissimo lo scenario in quota e da questa immagine panoramica potete osservare come il telefono riesca (o meno, dipende dal vostro giudizio) a catturare una situazione con colori davvero diversi e non semplicissimi da cogliere.

Come sempre, su queste immagini potete cliccare per approfondire i dettagli. Qui siamo a passo Salati, il punto di confine tra Valle D’Aosta e Piemonte, una specie di angolo di paradiso da cui godete di una vista incredibile, che spazia dalle montagne del trentino a quelle francesi. In questo caso, sullo sfondo c’è il Monviso.

Contrasti piuttosto accesi nei colori, con la necessità di bilanciare bene il bianco della neve per non bruciare tutto.

Anche in questo caso, cercavo il contrasto tra i colori e di non cadere di sotto…

Avrei potuto rimanere là a scattare per giorni, perché il clima era perfetto, nemmeno un filo di vento, sole, davvero giornata incredibile…

Ma quello che sale deve anche scendere, vi mostro un paio di scatti con contrasti difficili, perché c’era il sole molto alto, ma il paese era in ombra.

Qui sotto  ho chiesto all’HDR di fare qualche cosa di complicato, vediamo come è andata: una nota importante. Questi scatti sono realizzati con il Moto Mod di Hasselblad, che in tutta onestà non mi fa impazzire per i risultati delle foto. Vale anche per lo scatto qui sopra.

scatto con Moto Z

Faccio un salto al giorno successivo, la domenica, quando in compagnia di allegroitalia e del team dell’Hotel Alagna Palace abbiamo fatto un giro della piccola frazione Walser di Pedelegno.

Sono tornato a scattare senza il Moto Mod di Hasselblad, usando l’ottica del telefono.

Condizione di luce perfette per qualche scatto domenicale…

Vi lascio un’altra gallery qui sotto, per vedere un po’ di dettagli del villaggio e del museo Walser, ma la raccomandazione, per chi riesce, è di farci un salto di persona perché ne vale davvero la pena.

Che ne dite? Soddisfatti del lavoro di Moto Z e della sua fotocamera?

Io soddisfatto dell’ospitalità dell’Alagna Palace e di allegroitalia, di cui vi svelo un ultimo piccolo dettaglio, l’antro segreto della piscina, in questo caso fotografata con iPhone 7.

Se cercate qualche luogo dove soffrire, secondo me qui potete sopportare senza grande fatica la tortura…

Dopo un weekend con tutte queste coccole, ho deciso che posso provare gli smartphone solo in queste condizioni… Anche se così è facile che sembrino tutti belli…

1 commento

  1. sideman

    19 dicembre 2016 alle 16:53

    Io trovo lo scatto con la casa in primo piano e dietro la montagna tutta al sole eccellente, almeno mi sembra che le luci siano state gestite al meglio per un apparecchio di questo genere (non una reflex professionale). Anche i panorami sulla neve li vedo con dettagli eccelsi.
    Trovo molto belle anche le foto fatte senza Assemblad, ma che la fotocamera di Moto faccia belle foto con la luce si sa, lo avevo notato anche con lo X Play di mia moglie. Però poi tutti dicono che peggiora molto senza luce. Poi bisognerebbe anche vedere nell’arco di una settimana quante foto si scattano con luce e quante con poca.
    Per il resto l’impressione delle foto pare ottima, ma per il pelo nell’uovo andrebbero paragonate alla concorrenza scatto per scatto.

    sid

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  
Please enter an e-mail address

Altri articoli in Recensioni