Collegati
Su

Siete appassionati di sexting? Ecco la app per voi si chiama Nude

Siete appassionati di sexting? Ecco la app per voi, si chiama Nude, nasconde per voi le foto sensibili, quelle che non vorreste farvi rubare.

Il primo che fa il finto tonto e mi scrive un messaggio chiedendomi cosa sia il sexting, avrà una sospensione immediata di tutte le connessioni multimediali e non potrà accedere alla rete per i prossimi dodici anni, perché dire le bugie non è cosa buona!

Nude, la app che nasconde per voi le foto compromettenti

Un attimo. Fatemi ricominciare da capo, così mettiamo le cosine in ordine e magari si riesce a capire qualcosa di quello che scrivo.

Pare che nel mondo una delle attività più diffuse tra quelle che si fanno con lo smartphone sia il sexting, ovvero attività sessuale praticata attraverso i messaggi. Sex e text insieme fanno sexting.

Dicono che lo svolgimento di questo tipo di attività passi dall’invio di foto e video delle proprie parti intime, materiale scottante che andrebbe cancellato immediatamente, perché il rischio di furti di tutto ciò che sta dentro il telefono è sempre elevatissimo.

La cosa migliore da fare secondo gli esperti è cancellare i contenuti subito dopo la ricezione o la spedizione, perché dimenticare le foto o i video nel telefono non solo mette a rischio la vita familiare di molti, ma espone anche al furto da parte di malintenzionati digitali.

E qui interviene Nude. L’applicazione che al momento è ancora in fase beta ed è in grado di nascondere e rendere inaccessibili le immagini più piccanti.

Nude: la promessa è di non mettere niente in rete

La cosa interessante, per chi ha materiale sensibile sul telefono, è che la scansione e l’analisi delle immagini viene fatta lato client e non lato server, per cui nessun dato viene portato sulla rete. Viene creata una cartella criptata con password di ingresso e il materiale sul rullino fotografico viene cancellato immediatamente, senza lasciare traccia.

Se avete il problema delle tracce da sexting, adesso sapete come risolverlo. 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  
Please enter an e-mail address

Altri articoli in News