Samsung ancora una volta garantisce agli utenti un aggiornamento anche dopo molto tempo

Verrà distribuito il prossimo l’aggiornamento Galaxy Note 9 che porta nel bellissimo dispositivo di Samsung tutte le funzioni che sono state lanciate con Galaxy S20.

Ancora una volta, Samsung da prova della serietà con cui tratta gli utenti, a cui non vengono rifilati prodotti che poi non vengono aggiornati, ma al contrario garantisce miglioramenti nel tempo, ben oltre le più rosee aspettative.

Anche il Galaxy S10, in circolazione ormai da quasi 15 mesi, ha ricevuto un aggiornamento già da qualche tempo con cui sono state aggiunte molte delle funzioni di S20.

Una dimostrazione di correttezza ma anche di forza, perché molti produttori non garantirebbero questo tipo di trattamento ai propri consumatori per il timore di cannibalizzare la vendite dei propri dispositivi.

Aggiornamento Galaxy Note 9

L’aggiornamento Galaxy Note 9 in primo luogo porterà con sé l’interfaccia One UI 2.1, ma anche le funzioni “Single take” e i nuovi comandi dello zoom nella fotocamera.

In più, arriveranno Music Share e Quick Share.

Come anticipato, il nuovo software sarà distribuito solo il prossimo mese, dato che gli ingegneri coreani stanno finalizzando proprio ora la messa a punto.

Non è ancora arrivato il mondo di premere in modo ossessivo il pulsante “aggiorna software” sul vostro Galaxy Note 9.

Chi è l'autore

Mister Gadget Team

Mister Gadget è il manuale breve delle istruzioni per chi ama la tecnologia.
Non abbiamo preferenze, per noi Android e iOS sono solo due modi diversi per fare le stesse cose.
Non ci piacciono i talebani, nemmeno quelli tecnologici.
Se non trovate notizie su un brand, è perché non ci piace.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2 commenti

  • Rosee aspettative? Non è nemmeno 2 anni che è uscito.
    Da possessore del note 9 mi aspetterei 5 anni di aggiornamenti come per Iphone, quelle sarebbero rosee aspettative!
    E’ scandaloso pensare che termini il supporto dopo due anni invece…

    • Non sono del tutto d’accordo, perché qui non si tratta di offrire supporto al telefono ma di introdurre nuove funzioni, dettaglio per cui il costruttore non ha obblighi. Apple rappresenta l’eccezione. (Fortunatamente)