Da ieri Sony, Microsoft e Nintendo hanno un nuovo concorrente ed è forse il più temibile: Google entra nell’arena dei videogiochi, con un nuovo servizio online.

Alla Game Developer Conference di San Francisco è arrivato l’annuncio che molti aspettavano e abbiamo scoperto cosa è Google Stadia, che dai prossimi mesi sfiderà i colossi dei videogame.

Anche l’Italia dovrebbe essere tra i primi paesi del mondo in cui sarà possibile fruire del servizio, di cui per ora conosciamo pochi dettagli, è sconosciuto ad esempio il prezzo che non è stato annunciato.

Partiamo da una spiegazione semplice semplice: cosa è Google Stadia? Una sorta di Netflix, dentro cui troverete videogiochi anziché film e serie TV.

Funziona come Microsoft Game Pass oppure come Playstation Now: i giochi non saranno più “di proprietà”, ma saranno usati on line e si avrà accesso fino al momento in cui si pagherà un abbonamento mensile.

Esattamente come per qualunque altro servizio di streaming: non c’è una singola canzone di Spotify o Apple Music che sia vostra.

Potete fruirne fino a che pagate, quando smettete di farlo, sparisce tutto come per incanto.

Come si usa Google Stadia?

Non c’è bisogno di una console: potrete giocare su TV, Tablet, PC e Smartphone, con una definizione che può arrivare al 4K, a seconda della qualità di connessione della rete.

Non è un caso se l’annuncio ufficiale su twitter arriva da Sundar Pichai, perché questo è un nuovo asset di Google che rappresenta un’opportunità di business immensa.

Senza la console di mezzo, quello che conta è la capacità di distribuire i contenuti e su questo fronte Google parte dal clamoroso vantaggio della distribuzione degli smartphone Android.

Con Microsoft capace di sfruttare i computer con Windows, quale sarà la leva di Sony in questa battaglia tra giganti?

Perché ciò che è più evidente in questi giorni è il fatto che nei prossimi anni le vittime di questa rivoluzione saranno proprio le console. Che vita avranno Xbox e Playstation in un mondo in cui i giochi vengono distribuiti anche su computer, tablet e TV?

A guidare la nuova divisione giochi di Google è Phil Harrison, che dopo aver tentato di indirizzare Sony e Microsoft verso il mondo dello streaming, ha scelto Google per coronare un’idea già abbozzata anni fa.

Il legame con YouTube

Questo è secondo me il vero pezzo forte di Google Stadia, quello che traccia un solco rispetto alla concorrenza.

Quando si guarda un video su YouTube dedicato ad un gioco è sufficiente un click per cominciare a giocare, condizione inarrivabile per qualunque altro soggetto del mercato.

I prezzi di Google Stadia

Sono ancora un’incognita, non abbiamo idea di quali siano, ma possiamo scommettere che sarà competitivo e in linea con le proposte degli altri colossi. Potremmo cominciare a scommettere su quale sia il prezzo giusto, ma non sarebbe un gioco nuovissimo… 🙂

Chi è l'autore

Mister Gadget Team

La tecnologia è la mia missione. La radio è il mio mestiere..
Uso iOS & Android contemporaneamente, senza scelte di campo.
Provocare è il mio sport preferito.
Papà di un utente di iPad dipendente da Minecraft.

Commenta l'articolo che hai letto!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.