Anche nella settimana di Natale arrivano novità tecnologiche dal mercato asiatico, oggi in particolare con un telefono che rilancia il prossimo tormentone: il buchetto nel display.

In una data per noi un po’ anomala, è stato presentato oggi in Cina il nuovo smartphone Honor View 20, che introduce alcune novità significative per il brand gemello di Huawei.

Honor View 20
Honor View 20: photo credit Android Central

Il precedente modello, per essere sinceri, non ha lasciato particolare traccia nei nostri ricordi, secondo me perché peccava un po’ di originalità.

Aveva forme praticamente identiche a quelle di molto altri dispositivi del mercato, senza differenze di spicco che potessero fungere da calamita per gli utenti.

Honor View 20, la scheda tecnica

  • DISPLAY: 6.24 pollici, ratio 19,25:9
  • PROCESSORE: Huawei Kirin 980
  • RAM: 6GB / 8GB
  • MEMORIA INTERNA: 128 gb o 256 gb
  • ESPANSIONE MEMORIA: formato NANO Card
  • FOTOCAMERA POSTERIORE: 48 mpx, angolo 78 gradi, F/1.8 con sensore 3D TOF (Time of Light)
  • FOTOCAMERA ANTERIORE: 25 mpx
  • BATTERIA: 4.000 mAh, super carica da 4.5V
  • SISTEMA OPERATIVO: Android 9 Pie, EMUI 9
  • COLORI DISPONIBILI: Blu, Nero, Rosso
  • CERTIFICAZIONE IP: non disponibile
Honor View 20
Honor View 20: photo credit Android Central

Il buco con il display intorno

Tra le caratteristiche del nuovo smartphone Honor View 20 ovviamente spicca il buchetto frontale nel display, quello che vedremo spesso nel futuro e che sarà uno dei tormentoni del 2019.

Ma in questo caso c’è un dettaglio da sottolineare, ovvero la sua dimensione, perché mentre il recente Samsung Galaxy A8s ha un foro di 6,7 mm, in questo caso parliamo di un’apertura di 4.5 mm, sembra poco ma fa una bella differenza.

Da quanto è dato sapere, la tecnica con cui la fotocamera è allocata in quel punto differisce rispetto a quella di Samsung ed è considerata migliore per la resistenza complessiva dello schermo.

La posizione del buco non è casuale, perché è il frutto di un’intensa ricerca svolta tra gli utenti Honor, che hanno espresso una preferenza netta per la posizione in alto a sinistra.

La fotocamera posteriore ha capacità 3D

Nel nuovo Honor View 20 non ci sono dodici sensori fotografici, ma una combinazione che probabilmente apre la strada ad una nuova tendenza nel segmento degli smartphone. Il sensore principale è combinato con un secondo elemento che combinato con la potenza di calcolo del processore Kirin 980 permette di rilevare modelli 3D degli oggetti che vengono fotografati.

Honor View 20
Honor View 20: photo credit Android Central

Lo stesso sensore usato per i modelli 3D è utile anche per migliori effetti “ritratto” con una calcolo della profondità molto più accurato.

Il telefono con il raffreddamento intelligente

Huawei/Honor vanno oggi alla caccia di nuove soluzioni che sfruttino fino in fondo la potenza del processore Kirin 980 e tra queste c’è l’ “AI Smart Cooling” un sistema per raffreddare il telefono prevedendo i contesti in cui potrebbe surriscaldarsi.

Usando le applicazioni che si installano, il telefono imparerà quali hanno un impatto evidente sull’uso del processore e attivare un raffreddamento “preventivo” quando si tornerà ad utilizzarle.

C’è anche un sistema di antenne potenziato per il wifi, al fine di avere una ricezione migliore.

In Europa lo scopriremo il prossimo 22 gennaio

Honor ha già fissato un appuntamento con la stampa a Parigi per il prossimo 22 gennaio. In quell’occasione vedremo da vicino Honor View 20 e potremo raccontarvi tutti i dettagli dopo averli provati con mano.

Vi piace il dispositivo? Riuscite a sopportare il buchetto nel display?

Chi è l'autore

Mister Gadget Team

La tecnologia è la mia missione. La radio è il mio mestiere..
Uso iOS & Android contemporaneamente, senza scelte di campo.
Provocare è il mio sport preferito.
Papà di un utente di iPad dipendente da Minecraft.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.