Uno speciale accordo mette a disposizione gratuitamente i monopattini per i lavoratori

Se in città ci sono ancora molte incertezze sul loro futuro, i monopattini di Circ fanno muovere il Kilometro Rosso, innovation district che è alle porte di Bergamo.

Come è probabilmente facile intuire, il kilometro rosso occupa un’area molto vasta; è un parco tecnologico che ospita molte aziende, tra cui Brembo, Italcemente ed Enginsoft, oltre a molteplici startup.

Da qualche giorno per i 1.700 dipendenti è possibile usare (gratis) i monopattini elettrici di Circ, usando la stessa piattaforma di Ride Sharing che è possibile usare in moltissime città europee.

Io ho usato i mezzi di Circ qualche giorno fa a Berlino e ho trovato l’applicazione comoda e facile da usare, in linea con le altre oggi disponibili sul mercato.

monopattini elettrici di Circ

Il GPS regola la velocità

Quello che ho trovato molto interessante dell’esperimento del kilometro Rosso è il fatto che la velocità dei dispositivi cambia a seconda della zona dove vengono usati.

E’ il GPS a leggere la posizione e moderare a 6 km/h il limite massimo raggiungibile quando si è in aree pedonali, mentre consente di arrivare a 20 km/h quando si accede alle zone di collegamento dove ci sono strade.

Un po’ un’anticipazione di ciò che potrebbe accadere anche nelle nostre città, se il regolamento cittadino dovesse chiederlo.

monopattini elettrici di Circ

Al Kilometro Rosso il servizio è gratis

I 1.700 lavoratori impiegati nel parco tecnologico potranno fruire del servizio gratuitamente, mentre di solito si paga un euro per lo sblocco e circa 20 centesimi per ogni minuti di utilizzo.

Quello che ho trovato fenomenale durante il test che è stato fatto qualche giorno per i rappresentanti della stampa è il caschetto realizzato da CIRC, che “collassa” e diventa così piccolo da poter essere inserito nello zaino senza problemi.

monopattini elettrici di Circ
monopattini elettrici di Circ

C’è anche il supporto per lo smartphone

Molto comoda la scelta di Circ che ha posizionato sul manubrio un supporto per lo smartphone, che può essere molto utile quando serve tenere sotto controllo lo schermo per fruire delle mappe e magari delle istruzioni per raggiungere la propria destinazione.

Amo la condivisione dei mezzi e trovo che il modo migliore per coprire l’ultimo miglio sia quello dei monopattini.

Possibile che non siamo ancora riusciti a mettere ordine, mentre si usano già in tutte le grandi città del mondo?

Chi è l'autore

Mister Gadget Team

Mister Gadget è il manuale breve delle istruzioni per chi ama la tecnologia.
Non abbiamo preferenze, per noi Android e iOS sono solo due modi diversi per fare le stesse cose.
Non ci piacciono i talebani, nemmeno quelli tecnologici.
Se non trovate notizie su un brand, è perché non ci piace.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.