Il sub-brand di Xiaomi ancora una volta spacca il mercato con un prezzo pazzesco

POCO, sub-brand di Xiaomi, ha lanciato oggi il suo nuovo modello: POCO F2 Pro, che per dotazione e prezzo diventa il flagship killer della stagione.

A meno di 500 euro si può avere uno smartphone con il miglior hardware disponibile sul mercato. Non è bellissimo, per essere particolarmente franchi, ma per quel pezzo si può chiudere un occhio.

Con una piattaforma mobile Snapdragon™ 865 sotto la scocca, POCO F2 Pro offre prestazioni elevate, velocità di elaborazione fulminea e una vera e propria esperienza di visione a tutto schermo, grazie alla pop up cam.

Poco F2 Pro

Qualcomm® Snapdragon™ 865 e tecnologia LiquidCool 2.0

POCO F2 Pro è dotato dunque di Qualcomm® Snapdragon™ 865: il processore 5G più potente sul mercato.

Abbinato a un processore chip Kryo™ 585 octa-core e alla GPU Adreno™ 650, entrambi offrono prestazioni migliorate del 25% rispetto al loro predecessore.

Il potente SoC è completato da una RAM LPDDR51 ad altissima velocità e dal più recente storage UFS 3.1, che permette a POCO F2 Pro di offrire capacità di lettura e scrittura insieme veloci e parchi nei consumi.

Con la tecnologia LiquidCool Technology 2.0, POCO F2 Pro presenta la più grande camera di vapore disponibile sul mercato, insieme a più lotti di grafite e grafene.

Questa soluzione mantiene il dispositivo fresco, specialmente il SoC e la sua superficie, garantendo prestazioni eccellenti anche in presenza di elevati livelli di attività.

POCO F2 Pro è certificato TÜV Rheinland High Gaming Performance per offrire un’esperienza di gioco ottimizzata grazie a un display HDR migliorato, un feedback tattile realistico e un motore lineare sull’asse z.

Offre anche un’esperienza audio coinvolgente con la certificazione Hi-Res Audio.

Display Poco F2 Pro: AMOLED da 6,67” a tutto schermo 

Poco F2 Pro

POCO F2 Pro presenta una serie di funzionalità avanzate, tra cui un sensore ottico a schermo per le impronte digitali e Corning® Gorilla® Glass 5 fronte e retro per garantire maggiore resistenza.

Il dispositivo è disponibile in una gamma di colori molto vasta, tra cui Neon Blue, Electric Purple, Cyber Grey, Phantom White, con una finitura satinata antiriflesso nelle varianti Electric Purple e Cyber Grey. 

Con un rapporto di contrasto di 5000000:1 e una luminosità di 500 nit (typ) / 800 nit (HBM), risalta la qualità del display.

Indipendentemente dall’ora del giorno, gli utenti possono contare su un’esperienza di visualizzazione confortevole grazie al display a schermo intero AMOLED da 6,67” di POCO F2 Pro, dotato di un triplo sensore di luce ambientale a 360° per fornire un’accurata rilevazione della luce ambientale e un’agevole regolazione della luminosità.

Il dispositivo vanta l’ultima certificazione TÜV Rheinland Full Care Display Certification, HDR10+, DC dimming, e Sunlight Mode 2.0.

Attraverso le impostazioni avanzate dello spettro cromatico, gli utenti possono aggiungere un tocco di stile al display per un’esperienza personalizzata.

Quad camera posteriore da 64MP e la pop-up cam da 20MP 

Il sensore Sony IMX686 di POCO F2 Pro promette immagini chiare e dettagliate, mentre il suo obiettivo ultra grandangolare da 13MP a 123° consente agli utenti di scattare facilmente foto panoramiche e foto di gruppo di grandi dimensioni.

Un sensore macro da 5MP e un sensore di profondità da 2MP completano la fotocamera posteriore e consentono di ottenere primi piani dettagliati con un effetto bokeh con contorni accurati e una lettura della profondità che promette di essere molto accurata.

Con la registrazione video 8K (24fps) e 4K (60fps) ad altissima risoluzione, POCO F2 Pro trasforma ogni utente in un regista cinematografico.

La modalità Pro sia per foto che per video offre un maggiore controllo della messa a fuoco e dell’esposizione, in modo che gli utenti possano catturare immagini di qualità superiore senza l’uso di una DSLR o di altre fotocamere professionali. 

Sul pannello frontale, POCO F2 Pro c’è una pop-up camera da 20MP con una luce di notifica multicolore, grazie a cui sono ridotte al minimo le cornici dello schermo frontale senza compromettere la qualità della fotocamera.

La selfie camera dispone anche di una capacità di registrazione video in slow motion a 120 fps.

Batteria da 4.700 mAh e a una velocità di 9,6 Gbps

Consentendo un’esperienza d’uso prolungata e affidabile, POCO F2 Pro, con la sua batteria da 4.700 mAh, supera il fabbisogno energetico medio dell’utente anche durante l’uso intensivo.

Il dispositivo ha anche una carica rapida da 30W, che può ricaricarlo al 64% in soli 30 minuti e al 100% in 63 minuti.

Oltre alla velocità di ricarica, POCO F2 Pro ha anche in dotazione un caricabatteria da 33W che assicura una ricarica veloce in tutte le condizioni.

C’è anche il WiFi 6, grazie a cui POCO F2 Pro offre un’esperienza di connettività rapida con una velocità pari a 9,6 Gbps, quasi tre volte superiore a quella del WiFi 5.

Inoltre, il dispositivo integra una connessione multi-link che consente connessioni di rete stabili e di picco in qualsiasi momento attraverso 2.4G Wi-Fi, 5G Wi-Fi e dati mobili.

Poco F2 Pro, prezzi e disponibilità

POCO F2 Pro è stato presentato a livello globale in due differenti configurazioni, rispettivamente al prezzo di 499 euro per la versione da 6GB+128GB e al prezzo di 599 euro per la variante da 8GB+256GB.

Prezzi, canali di vendita e disponibilità per l’Italia saranno comunicati contestualmente all’arrivo del prodotto sul mercato.

Chi è l'autore

Mister Gadget Team

Mister Gadget è il manuale breve delle istruzioni per chi ama la tecnologia.
Non abbiamo preferenze, per noi Android e iOS sono solo due modi diversi per fare le stesse cose.
Non ci piacciono i talebani, nemmeno quelli tecnologici.
Se non trovate notizie su un brand, è perché non ci piace.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 Commento

  • Non mi pare affatto brutto, tanto più che una cover è d’obbligo e mitigherà l’aspetto delle fotocamere posteriori e rimane a far gran figura lo schermo senza buchi che personalmente odio.
    Quindi si può assemblare un telefono di fascia alta senza esagerare con il rincaro alla fine…