Una fotocamera che ha conquistato i critici di DxOMark, una dotazione di buon livello. Il design…

Per la recensione Xiaomi Mi Note 10 Pro ho voluto esagerare, portando con me lo smartphone fino  alle Hawaii, nella convinzione di usare fino in fondo il sensore da 108 mpx.

Non è andata così perché sono stato molto impegnato per lo Snapdragon Summit e non ho avuto il tempo di spremere la fotocamera come avrei voluto.

In compenso ho cercato di riparare, maltrattando Xiaomi Mi Note 10 Pro senza alcun ritegno appena rientrato in Italia.

COSA MI PIACE

  • Design Curato
  • Display di buona qualità
  • Fotocamera di ottimo livello

SINTESI FINALE

  • La confezione identica a Note 10
  • Il design non è particolarmente originale
  • Il processore utilizzato
  • Android 9 tre mesi dopo l’uscita di Android 10

DESIGN E CONFEZIONE

  • 157.8 x 74.2 x 9.7 mm
  • 208 grammi
  • Lettore impronte sotto display
  • Connettore USB Type C
  • Connettore 3.5 mm cuffie

La confezione contiene telefono, caricatore veloce, cavo USB Type-C, cuffiette e una pratica custodia in TPU, cioè materiale gommoso morbido che protegge molto bene tutti i lati del telefono.

Il design è dal mio punto di vista sia il lato positivo che negativo dello smartphone: è bello, curato, molto elegante ma è pericolosamente simile a quello di Huawei P30 Pro, al primo colpo d’occhio è praticamente impossibile riconoscere i due dispositivi.

Il Display ha i bordi curvi, con un notch a goccia, mentre sul retro ci sono ben 5 fotocamere, perché ormai è un gioco a chi ne ha di più.

C’è un connettore USB Type-C, insieme a quello per le cuffie da 3.5 mm, a cui Xiaomi è molto affezionata, tanto da continuare ad usarlo anche quando gli altri ormai lo hanno abbandonato su quasi tutti i prodotti.

DISPLAY

Recensione Xiaomi Mi Note 10 Pro
  • AMOLED 6.47″
  • 102.8 cm2
  • Ratio 19,5:9
  • 398 pixel per pollice
  • 1080 x 2340 pixel
  • Gorilla Glass 5
  • luminosità massima 600 nits
  • rapporto schermo superficie 87.8%

Lo schermo è uno dei dettagli più gradevoli del telefono, se si cancella il pensiero che sia praticamente un clone di Huawei P30, come già anticipato.

Display AMOLED con una buona definizione di 1080 x 2340, una superficie totale di 102.8 cm2 e un rapporto schermo superficie dell’87.8%

Recensione Xiaomi Mi Note 10 Pro

Il pannello ha la dotazione dei migliori smartphone in circolazione con standard DCI-P3, HDR 10 e una luminosità massima che arriva a 600 nits.

I colori sono brillanti, mentre l’angolo di lettura è molto ampio, si legge bene anche alla luce diretta del sole e ovviamente è dotato dal filtro per la luce blu da usare nelle ore serali.

HARDWARE E SOFTWARE

Recensione Xiaomi Mi Note 10 Pro
  • Qualcomm Snapdragon 730G
  • Ram 8 GB
  • Memoria 256 gb
  • No microSD
  • Bluetooth 5.0 AptX
  • Android 9
  • MIUI 11

Il software è ciò che mi ha lasciato un po’ più deluso, perché la pubblicazione di uno smartphone di punta con una versione di Android ormai superata non è all’altezza delle aspettative.

Sia chiaro, Android 9 funziona benissimo ed ha raggiunto la piena maturità, ma un telefono che oggi ambisce ad entrare nel novero dei top di gamma oggi deve necessariamente fornire la versione più recente, per garantire le migliori funzioni, la massima sicurezza e l’ottimizzazione della performance.

La personalizzazione è quella che conosciamo di Xiaomi. E’ un po’ “cartoonish”, non rende pienamente giustizia al design del telefono, ma è molto sobria e facile da personalizzare.

Altro punto interrogativo, per il prezzo a cui questo dispositivo è proposto, viene dalla scelta di usare il processore Snapdragon 730G al posto del più potente e blasonato 855.

Migliore gestione dei consumi, questa l’indicazione di Xiaomi; lo Snapdragon 730G è in effetti una specie di Fiat Uno dei processori, affidabile, parco, ben equlibrato, ma quando viene usato con più processi “esosi” contemporaneamente mostra un po’ la corda.

E’ una buona soluzione, ma avrei gradito il fratello maggiore, che garantisce più potenza e migliori prestazioni anche quando si mette il telefono sotto torchio.

Ciò detto, Xiaomi Mi Note 10 Pro è comunque veloce, reattivo, sempre gradevole da usare.

Ha una dotazione di 256 gb di memoria, senza l’espansione tramite MicroSD.

La GPU è la Adreno 618, di buon livello, anche se non la migliore in assoluto. Con i giochi si comporta bene e mi pare di poter dire che gestisce anche i titoli più aggressivi senza problemi.

All’interno ci sono 8 Gb di RAM, dotazione più che generosa, per qualunque tipo di smartphone.

LA FOTOCAMERA

Recensione Xiaomi Mi Note 10 Pro
  • 5 sensori fotografici
    • 108 mpx F 1.7 25 mm OIS
    • 12 mpx F/2,0 50 mm 2X zoom
    • 5 mpx (zoom) F/2.0 OIS 5X zoom
    • 20 mpx (grandangolo) 13 mm F/2.2
    • 2 mpx F/2.4
  • Selfie cam 32 mpx F/2.0 26 mm
  • Video Selfie: 1080 30 fps
  • Video: 4K 30 fps

Xiaomi Note 10 Pro ha una soluzione con addirittura 5 fotocamere. In linea di massima si aggiungono più sensori per supplire all’impossibilità di gestire tutte le diverse opzioni di ripresa con una singola fotocamera.

La fama di questo telefono è immediatamente cresciuta in tutto il mondo perché il sensore principale è addirittura da 108 mpx, il più potente oggi disponibile sul mercato.

Per usarlo, c’è una voce dedicata nel software della fotocamera, il dettaglio più curioso è che il telefono per memorizzare gli scatti ha bisogno addirittura di 5 o 6 secondi.

Per sfruttare fino in fondo le immagini da 108 mpx, è bene scattarle con un cavalletto: a quel punto sarete in grado di usare piccoli porzioni dell’immagine con risultati del tutto eccellenti.

Se invece usate le immagini per la condivisione social, quindi passando per una compressione selvaggia dei file, non noterete particolari differenze.

Recensione Xiaomi Mi Note 10 Pro

Buoni gli scatti con poca luce, con un’ottima gestione del rumore e un buon bilanciamento dei colori.

Discreti i selfie, con addirittura 32 mpx ci si può aspettare qualcosa di molto meglio.

Buoni i risultati con i video, con una buona stabilizzazione e con una gestione del focus davvero eccellente.

La batteria

Recensione Xiaomi Mi Note 10 Pro
  • 5.260 mah
  • supporto USB Power Delivery
  • carica veloce 30 W

La batteria non è proprio un problema. Con 5.260 mAh vi durerà tranquillamente quasi due giorni anche con uso super intenso.

Si ricarica velocemente, in 30 minuti farete il 58% della carica, per il 100% servono 65 minuti. Scordatevi di caricare il telefono anche se avete un uso patologico dello stesso.

Recensione Xiaomi Mi Note 10 Pro, le conclusioni

Recensione Xiaomi Mi Note 10 Pro

Ottimo prodotto, con una fotocamera da primato e nel complesso una proposta molto interessante per tutto ciò che lo smartphone contiene.

Non ha il solito prezzo da competizione di Xiaomi, ma forse è bene abituarsi all’ideale che i top di gamma nei prossimi anni avranno un posizionamento più alto, per garantire margini migliori.

Unico appunto sul processore Snapdragon 730G, che è buono, ma non è il meglio che si possa offrire. Nell’uso di tutti i giorni, comunque, non ci farete caso, il telefono funzionerà sempre alla grande.

Prezzi e disponibilità

Xiaomi Mi Note 10 Pro si trova su Amazon a circa 500 euro, basta cliccare Qui, mentre il prezzo ufficiale è di 599 euro e lo si trova sul sito di Xiaomi, a questo indirizzo.

recensione Xiaomi Mi Note 10 Pro
  • Design
  • Batteria
  • Velocità del Software
  • Fotocamera
  • Display
4.3

In poche parole

La miglior fotocamera del mercato secondo DxOMark, con una buona dotazione hardware per tutto il resto che lo smartphone offre. Bel display, batteria enorme, peccato assomigli così tanto a Huawei P30 Pro.

Chi è l'autore

Mister Gadget Team

Mister Gadget è il manuale breve delle istruzioni per chi ama la tecnologia.
Non abbiamo preferenze, per noi Android e iOS sono solo due modi diversi per fare le stesse cose.
Non ci piacciono i talebani, nemmeno quelli tecnologici.
Se non trovate notizie su un brand, è perché non ci piace.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.