Proprio in queste settimane ho provato Windows 10 Mobile sui modelli Microsoft Lumia 950 e Lumia 950XL e ho trovato il sistema operativo più completo, più immediato e finalmente anche più ricco dato che ormai le principali app sono disponibili.

Eppure il mercato sembra non recepire la crescita del sistema operativo di Microsoft, in particolare negli Stati Uniti, dove i dati del Kantar World Panel sono abbastanza netti: a settembre 2015 Windows Phone aveva il 3.9% del mercato.

Microsoft Lumia 950XL - 16

Nel rilevamento del 31 dicembre dello stesso anno, a soli 3 mesi di distanza, la quota di nuove acquisizioni è scesa a 1.6%, ovvero meno della metà.

Purtroppo la storia di Windows Phone è sempre stata molto difficile, con un picco nel 2013 al 5.6%, per poi scendere velocemente, quindi risalire al 4.8% nel febbraio 2015, ma da lì in poi c’è stato un calo continuo.

Ma perché?

Io vedo in primo luogo come principale ragione l’aggressione dei produttori android alla fascia medio bassa. Se prima con 200 euro compravi un buon windows phone o uno scarto di android, adesso la battaglia si fa dura, con i produttori android che hanno migliorato prestazioni e (soprattutto) aspetto.

Molti android di fascia bassa sono belli (vedi Wiko Fever) ma possiamo dire lo stesso dei Lumia meno costosi?

Lumia-535_Back_Orange

Ma come va nel resto del mondo? Meglio ma il trend è altrettanto preoccupante. In Italia il dato è dell’8.1% a dicembre, era del 14.2% a giugno.  In Francia è dell’8.7% in discesa dal 13.1%, in Inghilterra 9.2 dal 12% di sei mesi prima, Germania 6.4% contro il 10.5 di giugno.

Una cosa importante: Kantar misura la percentuale di vendita dei prodotti in un certo trimestre, non la presenza complessiva nel mercato. Prende in considerazione i prodotti venduti nei tre mesi e li fraziona per  marca e modello.

L’Europa ha dato qualche cenno di vita con l’arrivo dei Lumia 950, 950XL e 550, ma non è bastato per compensare il dato deficitario da agosto a novembre.

Lumia-550

Quale futuro per la divisione mobile di Microsoft? Basterà un Surface Phone a ribaltare la situazione? Difficile dirlo, perché il prodotto è solo un pezzo del più intricato puzzle del marketing che oggi più che mai è lo strumento fondamentale per spostare la percezione degli utenti su un prodotto.

Certo, la notizia che nel 2016 ci sarà probabilmente un solo prodotto non aiuta a migliorare l’immagine complessiva. Ma è un vero peccato, perché se la percezione traballa, la qualità dei nuovi prodotti è fuori discussione.

Chi è l'autore

Mister Gadget Team

La tecnologia è la mia missione. La radio è il mio mestiere..
Uso iOS & Android contemporaneamente, senza scelte di campo.
Provocare è il mio sport preferito.
Papà di un utente di iPad dipendente da Minecraft.

Commenta l'articolo che hai letto!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

4 commenti

  • Luca come dici sempre tu non fa piacere sentirsi dire l’avevo detto, ma alla fine l’abbiamo sempre sostenuto che per quanto possano essere state apportate migliorie non si vede la luce! Almeno è quello che penso.

  • Secondo me punteranno esclusivamente sul brand surface lasciando ai terzi le altre fasce di mercato… Curioso che la divisione surface in questo trimestre ha raddoppiato il fatturato e i lumia lo hanno dimezzato…
    Dispiace se chiudono la divisione lumia e spero non lo facciano anche perché questi Smartphone sono ancora di stampo Nokia. Un po se la sono cercata con scelte non proprio azzeccate eh… Vedi questo w10 m che sta diventando una chimera , i materiali discutibili sui top ( manco li pubblicizzano perché hanno un os in beta… Prima le pubblicità sui lumia ti stressavano per quante ne facevano , ricordate quella sul 930?) senza marketing e telefoni non si va da nessuna parte e stanno pagando le scelte dell’ultimo anno, alla fine i lumia sugli scaffali sono gli stessi da un anno tranne i 3 nuovi arrivati da poco. Lo store invece continua a migliorare con tante Universal app giornaliere . Chissà come si evolverà la cosa

  • Confermo pienamente la tua supposizione di marketing:
    2 anni fa un amico mi chiese una consulenza per uno smartphone di fascia media da prendere a Mediaworld. Analizzando gli smart disponibili a quel prezzo, il Lumia dell’epoca (non ricordo il modello) per conto mio era superiore ai pari-prezzo Android su molte caratteristiche ed il ragazzo prese il Lumia (che poi però si rivelo avvere grossi problemi di durata della batteria) che oltretutto per chi veniva da un “vecchio cellulare”, era sicuramente più intuitivo e carino di Android.
    Oggi non penso sia più così, a prezzi stracciati trovi Android di altissimo livello uno per tutti il P8 lite, da qui il calo di Win sui prodotti di media fascia.

    Un altro errore per conto mio fondamentale, fatto all’inizio, ma che per me si portano dietro ancora, al contrario di BB, che aveva poche app, ma le principali funzionavano veramente bene, Win ebbe moltissimi problemi con le app di FB e Wathapp (e se non erro non aveva Instagram). Ora non voglio dire eresie se a sensazione FB e Wathapp siano e sono forse le 2 app più utilizzate mediamente in uno smartphone… IMHO per me questo fu un gravissimo errore che chiuse le porte a molti clienti che poi magari potevano essere fidelizzati.

    ciao
    sid

  • Il problema sono le app a pagamento. Chi ha speso soldi per app di Android o ios difficilmente passerà a Windows per dover ripagare le stesse app (sempre che le trovi ). Io avrò speso almeno 100 euro in questi anni per avere le applicazioni che mi interesano e praricamente nessuna è un gioco. Lasciare Android per perdere tutto? Neanche morto. Se e sottolineo se renderanno le app Android eseguibili su Windows allora un pensierino potrei farlo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: