C’è anche la capitale italiana tra le città più trafficate del mondo

TomTom lo specialista delle tecnologie di localizzazione, ha annunciato oggi i risultati delTomTom Traffic Index, un report dettagliato sulla situazione del traffico in 416 città in 57 nazioni. Bangalore si aggiudica il podio e i suoi autisti si aspettano di passare in media più del 71% percento di tempo in più bloccati nel traffico.

Nella classifica globale ci sono poi la capitale delle Filippine Manila (71%); Bogotà in Colombia (68%); la città più trafficata dello scorso anno, Mumbai (65%); e Pune, altra città in India (59%) – che fanno così la top 5 delle città più trafficate al mondo.

L’area metropolitana di Mosca è la peggiore in Europa (59%) con Istanbul poco dopo (55%). La Top 5 europea è poi composta da Kiev (53%), Bucharest (52%) e San Pietroburgo (49%). Parigi (39%), Roma (38%) e Londra (38%) sono 14°, 15° e 17° rispettivamente.

Le città più congestionate del Nord America sono Los Angeles (42%), New York (37%), San Francisco (36%), San Jose (33%) e Seattle (31%)

Il TomTom Traffic Index è disponibile online – è un report interattivo che permette ai visitatori di esplorare la situazione del traffico nella loro stessa città, con informazioni in real time per aiutarli nel prendere le loro decisioni.

Traffico in crescita, globalmente: a quale costo?

La congestione del traffico è aumentata a livello globale nell’ultimo decennio e 239 città (57%) delle città incluse nel nuovo TomTom Traffic Index hanno registrato un aumento del livello di congestione tra il 2018 e il 2019, con solo 63 città che mostrano diminuzioni misurabili.

Questo aumento globale della congestione, nonostante sia da un lato indicatore di una forte economia, costa anche miliardi.

Ralf-Peter Schäfer, VP di Traffic Information in TomTom, ha commentato: “A livello globale, c’è ancora molta strada da percorrere prima che i livelli di congestione siano controllati.

Col tempo, l’ascesa di veicoli autonomi e servizi di car sharing contribuirà ad alleviare la situazione, ma urbanisti e politici non possono permettersi di sedersi e aspettare.

È necessario utilizzare tutti gli strumenti a disposizione per analizzare i livelli di traffico e gli impatti, in modo da poter prendere decisioni critiche sull’infrastruttura.

E anche i conducenti hanno un ruolo da svolgere: piccoli cambiamenti nei comportamenti di guida possono fare una grande differenza.” 

Analizzando gli incidenti in tempo reale e la congestione per prevedere il traffico prima che insorga, Real-Time Traffic di TomTom rende il software di navigazione TomTom ancora più accurato con calcoli del percorso ottimizzati e un accurata stima dell’arrivo a destinazione (ETA).

Ecco perché TomTom è il leader di mercato, fornendo a milioni di auto in circolazione in tutto il mondo la sua tecnologia del traffico.

TomTom Traffic conosce la strada da percorrere risparmiando tempo, carburante e stress per i conducenti, ma anche fornitori di flotte e logistica, servizi su richiesta (ride-hailing, consegna di cibo) e servizi di gestione del traffico.

E questo lavoro dello specialista delle tecnologie di localizzazione per la guida del futuro – dalle mappe ad alta definizione per veicoli autonomi, al percorso e le ricariche efficienti per i veicoli elettrici – significa che i produttori di automobili, le compagnie tecnologiche, le autorità stradali e i governi hanno già gli strumenti per rendere le strade meno congestionate.

Come sconfiggere il traffico?

La prossima volta che ti immetti al volante, tieni a mente questi utili consigli:

  • 1. Pianifica prima di partire. Prenditi qualche istante prima di uscire dalla porta per controllare le condizioni della strada verso la propria destinazione aiuterà a prendere in considerazione alternative e decidere il miglior modo di agire.
  • 2. Fidati della tecnologia. Potrebbe essere meno comodo prendere una strada meno percorsa, solo perché il navigatore satellitare la suggerisce come la più veloce. Spesso è difficile crederci. Fidati della tecnologia e prendi il percorso alternativo suggerito, perché basando sulle condizioni del traffico in tempo reale sul percorso che stai percorrendo. 
  • 3. Cambia le tue abitudini al volante. Solitamente, il traffico raggiunge il picco in specifiche ore del giorno. Questo dato è stato analizzato in ciascuna delle città incluse nel TomTom Traffic Index, dove è incluso il livello medio di congestione per ogni ora di ogni giorno della settimana. Puoi utilizzare le informazioni disponibili per modificare di conseguenza l’orario di partenza. Uscire presto o tardi da un luogo può significare evitare il traffico.
  • 4. Considera le alternative. Il viaggio che devi fare può solo essere percorso in auto? Se l’attività pianificata dipende strettamente dal tempo e non è possibile modificare l’orario di partenza, prendi in considerazione il car-sharing, il trasporto pubblico o opzioni non motorizzate come biciclette o scooter. 
  • 5. Collabora con la tua città. In definitiva, migliorare la mobilità nelle nostre città è uno sforzo collaborativo. Insieme, le autorità cittadine, i produttori di veicoli, i fornitori di sistemi di segnali stradali, i parcheggi, i fornitori di informazioni sul traffico, i fornitori di mobilità condivisa, le startup e, soprattutto, il pubblico stanno sperimentando e trasformando le città di tutto il mondo. Informati sulle iniziative in atto nella tua area urbana e su come trarne beneficio.

Fonte: ufficio stampa TomTom

Chi è l'autore

Mister Gadget Team

Mister Gadget è il manuale breve delle istruzioni per chi ama la tecnologia.
Non abbiamo preferenze, per noi Android e iOS sono solo due modi diversi per fare le stesse cose.
Non ci piacciono i talebani, nemmeno quelli tecnologici.
Se non trovate notizie su un brand, è perché non ci piace.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.